Abbassare il costo della cultura significa migliorare la qualità di vita


  • administrators

    La cultura senza un prezzo sembrerebbe utopia, invece può essere applicata nel mondo reale grazie all'uso di strumenti digitali. Molti comuni italiani ed esteri cercano di promuovere il concetto della cultura senza un prezzo, solitamente sono solo delle iniziative singolari. Queste ottime iniziative sono accessi ai musei, biblioteche, mostre aperte al pubblico o altro.
    È possibile applicare questo concetto su larga scala e sempre? La risposta è si.
    Adesso vi spiego il mio piccolo modello applicativo.
    Prima di tutto cancellate tutte le regole che conoscete sulla diffusione della cultura.
    Immaginate la cultura come un grande flusso di nozioni, informazioni e pensieri.
    Ogni persona nel suo piccolo è un portatore di conoscenza e fa parte del flusso di nozioni. Ogni persona riceve e invia informazioni, conoscenza, pensieri.
    A livello applicativo è possibile usare le diverse piattaforme e-learning , mooc, moodle ed altre. In questo modello cultura ognuno assume la funzione di insegnante e allievo, sempre se l'utente sia d'accordo.
    I vantaggi di questo modello sono notevoli, ognuno è libero di scegliere il proprio ruolo all'interno del sistema (allievo, insegnate, entrambi). Le regole sono solo il rispetto e l'educazione. Le lezioni e gli argomenti vengono scelti dall'insegnante e dagli utenti. È un moocs bidirezionale, dove ognuno può esprimersi .
    L'unico problema di questo modello cultura è la mancanza di collaborazione e la non buona comunicazione. Ogni componente deve essere coeso e collaborativo.
    team-581733_640.jpg

    Ps: scusate sono stata molto schematica e usato termini formali per descrivere il modello


  • Editori

    La cultura deve essere libera , gratuita e informale.


Effettua il Log in per rispondere
 

Sembra che la tua connessione a Openbadges sia stata persa, per favore attenti mentre proviamo a riconnetterti.