Esperimento:Obbedisco e non sento la pressione


  • administrators

    Il comportamento umano, di chi segue un ordine o un comando, mostra un assenza di responsabilità. Diversi studi sono stati effettuati per analizzare, il comportamento dell'uomo in diversi contesti.
    Lo studio che ha stimolato la mia curiosità è quello di Milgram, psicologo statunitense che nel 1961 realizzò un esperimento sociale.
    L'obiettivo di quest'ultimo era quello di esaminare i comportamenti di soggetti sotto pressione dell'autorità.
    L'autorità impartiva ordini anche in contrasto ai valori etici e morali dei soggetti presi in esame.
    L'esperimento prese in esame uomini fra i 20 e 50 anni, di diversa estrazione sociale.
    Nell'esperimento vennero definiti due ruoli, uno sarebbe stato l'insegnante mentre l'altro l'allievo.
    Il soggetto che veniva preso in esame era l'insegnante mentre l'allievo era complice dell'esperimento.
    L'autorità ordinò agli insegnanti di sedersi davanti ad un generatore di corrente e azionare la corrente quando l'allievo sbagliava la risposta.
    Ogni errore comportava,il rilascio della scarica elettrica sull'allievo e l'aumento della carica per il prossimo errore commesso.
    Ogni volta la corrente sarebbe aumentata.
    La percentuale di obbedienza fu altissima.

    Ma com'è possibile?
    Sarete d'accordo con me, nel dire che noi sicuramente non avremmo pigiato il pulsante per inoltrare scosse ad altre persone. Eticamente sbagliato!
    Allora possiamo concludere dicendo che tutte le persone prese in esame erano cattive e volevano cagionare dolore a persone che neanche conoscevano.

    Ma è davvero così?
    La risposta è semplicemente complessa.
    Le dinamiche che entrano in gioco quando si fa parte di un gruppo,dove c'è un leader, sono tante.
    La figura dei leader acquista sempre più importanza, ecco perchè è fondamentale che siano etici e corretti. <<Consigliato Leadership Etica>>

    Quali sono le dinamiche che entrano in gioco?

    1. Mancanza di esitazione
    2. Mancanza di pressione emotiva
    3. Non responsabile perché costretto dal proprio compito

    Tutte queste dinamiche si possono racchiudere in poco senso di agency, cioè la sensazione di controllo delle proprie azioni.
    Il senso di agency viene correlato principalmente con il desiderio di emergere, la resistenza e l’efficacia.
    Quando c'è poco senso di agency, le persone si sentono impotenti e vittime di regole sulle quali non hanno controllo.
    Questo spiegherebbe perché molte persone obbediscono, anche senza condividere moralmente i principi dei leader.



Sembra che la tua connessione a Openbadges sia stata persa, per favore attenti mentre proviamo a riconnetterti.