Consigli per aziende indipendenti


  • administrators

    0_1459529978863_network-1020332_960_720.jpg
    Oramai è una realtà, che le aziende indipendenti riscontrano molte difficoltà nel sopravvivere .
    Reputo questo un ottimo motivo per incentivare la nascita di nuove aziende indipendenti e preservare la salute di quelle esistenti.
    Qual'è la maggiore difficoltà delle aziende indipendenti?
    La globalizzazione e le multinazionali. Queste organizzazioni riescono a prendere una grande fetta del mercato proponendo prodotti a costi inferiori. Il consumatore di conseguenza sceglie in base al prezzo. È un processo senza via di uscita.
    Esistono soluzioni per risolvere questo problema?
    Si, premetto che i risultati non si vedranno nel giro di poco tempo. Per alcune realtà in difficoltà la situazione potrebbe risultare ingestibile.

    Questo è il nostro punto di partenza per capire bene la situazione attuale (in modo sintetico).
    Ora vi proponiamo delle nostre proposte, speriamo che vi siano d'aiuto.

    Per aiutarci nell'esprimere il nostro punto di vista prenderemo come esempio le librerie.
    Le librerie indipendenti stanno subendo una crisi notevole, dettata dalla concorrenza di catene e multinazionali sia in loco che digitali.
    Quali strategie potrebbe utilizzare una libreria indipendente?
    Mi impersonifico un pochino . Se dovessi gestire una libreria indipendente utilizzerei almeno tre strategie.

    1. Migliorerei il rapporto fra autore- libreria/casa editrice indipendente. Mi focalizzerei sugli autori esordienti della zona in cui abito. In questa maniera proporrei materiale diversificato e darei fiducia agli autori sconosciuti, che non troverebbero spazio nel mondo delle multinazionali.
      Cercherei inoltre di curare la promozione per ogni autore esordiente. Il mio obiettivo essenziale sarebbe creare legami e migliorare la qualità di vita del luogo in cui abito (in primis) e poi migliorare anche altri luoghi.

    2. Comunicherei con le altre librerie indipendenti. Creando delle mappe di salvaguardia delle librerie indipendenti della zona, mantenendo la mia autonomia (no consorzi o associazioni). Gestirei la librerie come un sistema decentralizzato cioè totalmente autonoma ma capace di comunicare.

    3. Utilizzerei la tecnologia per creare un prodotto di buona qualità ad un prezzo contenuto o basso. Un esempio potrebbe essere la digitalizzazione del libro. Questo procedimento è necessario anche nel processo di stampa del libro stesso, così facendo potrei curare anche la fase di realizzazione. I testi digitalizzati potrebbero essere proposti in omaggio dopo l'acquisto del libro cartaceo.
      In questa maniera darei la possibilità di leggere contemporaneamente, a più componenti della famiglia o amici, lo stesso libro. È un servizio extra che non costa nulla.
      Ovvio che curerei, in prima persona tutte le fasi: dalla realizzazione alla promozione, dalla gamificazione al rapporto autore-libreria e cliente-libreria.
      Questi consigli si riferiscono a presone che non delegano nulla.
      In questa maniera sarà più facile produrre un prodotto di buona qualità a costi contenuti, garantendo un ottimo rapporto qualità/prezzo.

    Questi sono solo consigli ma la vera difficoltà sta nella realizzazione. Noi comunità openbadges italia saremo sempre aperti al dialogo, consigli o proposte di collaborazione o solo per raccontare la tua storia. Non troverai mai un muro ma solo ponti per comunicare meglio.
    Grazie



Sembra che la tua connessione a Openbadges sia stata persa, per favore attenti mentre proviamo a riconnetterti.