Primo nemico delle generazioni - Irrealizzazione


  • Editori

    Come definire la nostra e le nuove generazioni future <<Persone Irrealizzate>>
    Ora vi racconta una storia.......
    Ci hanno detto fin da piccoli che tutto era possibile basta impegnarsi.
    L'unico cosa che non ci hanno detto per cosa dovevamo impegnarci.
    Noi ci siamo impegnati, abbiamo studiato, ci siamo adattati agli schemi della società.
    Siamo giunti alla fine e noi tutti contenti :) abbiamo chiesto il nostro amato premio <<la nostra professione, il posto di lavoro>> . Ci hanno risposto che:
    Qualcosa è andato male :( Ragazzi ci dispiace ma non riusciamo a darvi il vostro futuro, che tanto noi abbiamo organizzato...

    Questa storia potrebbe essere di chiunque e nessuno..
    In questa situazione è normale essere arrabbiati, irritati e incavolati.
    Questo atteggiamento è giusto in un primo momento ma risulta autodistruttivo se continuiamo a ripeterlo.

    << È sbagliato preservare sempre in un atteggiamento controproducente>>

    Dobbiamo riconoscere il nostro atteggiamento autodistruttivo e modificarlo.
    Adesso arriva il bello... Facile Come riconosco un atteggiamento sbagliato?
    Anzi ...Come capisco che sbaglio?
    Difficile a dirsi.. Sarebbe opportuno guardarci con gli occhi degli altri.
    Solitamente quando si sbaglia non si è consci del proprio errore. Ci sono alcuni segnali tipo :Se vi sentite dire spesso dai vostri amici.. Basta sembri un disco rotto, non essere cosi negativa, << Bloccati ed osserva cosa stai facendo>>
    Questo potrebbe essere un segnale di un atteggiamento sbagliato..

    consiglio: Ascoltate gli altri, fate una piccola riflessione interiore e cercate di analizzare il problema razionalmente ...

    Una volta che avete preso coscienza del vostro malessere..
    Ecco alcuni esempi di come comportarsi

    Fase 1:Capire il problema reale e modificarlo
    Fase 2:Auto analizzarsi per capire il proprio percorso
    Fase 3: Trovare altre soluzioni

    Ritornando all'esempio di prima.....
    Il nostro problema è l'assenza di un posto di lavoro
    L'autoanalisi ci permette di capire quali sono le nostre attitudini. In questa fase vi consiglio di incanalare tutte le energie per il vostro presente. Non considerate il passato perché non può essere cambiato ed il futuro perché non potete controllare ogni singola cosa. È giusto avere dei mini obiettivi senza pretendere tutto in poco tempo << Senso irrealizzazione>>. Ogni obiettivo raggiunto apre altri traguardi da scalare.

    << Facendo un riassunto molto generico>>
    Non esiste solo una singola soluzione ma infinite. Non scoraggiatevi e trovate le vostre vie da percorrere. Possedete un baglio culturale inestimabile. Ogni competenza acquisita può essere riutilizzata in altri campi.

    Domandatevi:Cosa voglio fare(io) ? Cosa mi rende felice?
    Cambiate prospettiva e iniziate a realizzare il vostro futuro partendo da voi..



Sembra che la tua connessione a Openbadges sia stata persa, per favore attenti mentre proviamo a riconnetterti.